24 gennaio 2018

gennaio

24

2018

Beatrice Lorenzin: l’intervista a “Fatti e Misfatti”

Protagonista di "Fatti e Misfatti" su TgCom24, Beatrice Lorenzin ripercorre gli ultimi cinque anni al timone del Ministero della Salute...

Protagonista di "Fatti e Misfatti" su TgCom24, Beatrice Lorenzin ripercorre gli ultimi cinque anni al timone del Ministero della Salute e presenta Civica Popolare, la forza politica a cui ha dato vita per "dare risposte concrete ai bisogni della gente". Il Ministro riparte dall'anno in cui assunse l'incarico: "Nel 2013 eravamo nel pieno della crisi economica e il sistema sanitario era a rischio default. Ho capito che era necessario riorganizzarlo e farlo ritornare al centro dell'agenda politica".
Sottolineando che per troppo tempo è mancato uno sguardo di medio e lungo termine sulle politiche sanitarie, sulla prevenzione e sui grandi asset, il Ministro ha illustrato il lavoro di questi anni: "Niente più tagli immotivati, andiamo a vedere dove sono gli sprechi e agiamo lì. Poi la qualità: un miliardo di nuove prestazioni sanitarie in tutta Italia, perché, inutile non riconoscerlo, abbiamo una sanità che va a doppia velocità, dal Nord al Sud". Con una certezza: "Il Sistema Sanitario Nazionale deve aiutare i più fragili: è tra i migliori ma bisogna ancora fare tanto. La sanità è programmazione, non fantasia: le regole devono essere applicate da tutti - ha spiegato Beatrice Lorenzin - Nei prossimi anni aumenterà la domanda di salute del 20% perché la popolazione sta invecchiando: per questo servono modelli organizzativi diversi ma anche maggiori poteri di controllo al Ministero della Salute".
La stessa determinazione guida il Ministro anche nella nuova avventura di Civica Popolare: "Sono il capo di una nuova forza politica che sceglie come posizione la continuità di quanto fatto in questi ultimi cinque anni". L'obiettivo è dare seguito al percorso di riforme strutturate già avviato per rendere il Paese competitivo rispetto alle grandi sfide che è chiamato ad affrontare e metterlo in una prospettiva futura di crescita: welfare, demografia, pensioni, lavoro, giovani e impresa. "Non dobbiamo disperdere quanto fatto in questi dieci anni in cui gli italiani hanno dovuto fare tanti sacrifici" ha sottolineato Beatrice Lorenzin, aggiungendo che l'impegno sarà quello di accompagnare gli italiani fuori dalla crisi, nella consapevolezza che permangono ancora problemi da affrontare come la disoccupazione. "Noi dobbiamo dare risposte: l'Italia ha bisogno di un modo di fare politica diverso, meno urlato, che sappia ascoltare le persone e non tema di farsi carico dei problemi, soprattutto dei più duri" ha ribadito il Ministro, richiamando l'appello a scienziati e ricercatori di candidarsi nelle liste di "Civica Popolare" come indipendenti, perché il Parlamento ha bisogno della voce forte e libera della scienza.
Dai vaccini all'emergenza migranti, Beatrice Lorenzin affronta nel corso dell'intervista diversi temi di stretta attualità, precisando che la sua campagna elettorale non sarà fatta di promesse: "Voglio ragionare, parlare dei problemi (il lavoro, le donne, i giovani, la sanità) dando delle priorità".

Per rivedere l'intervista: http://www.tgcom24.mediaset.it/politica/speciale-politiche-2018/lorenzin-i-vaccini-dico-che-sono-la-prima-forma-di-protezione-per-la-collettivita-_3119301-201802a.shtml

PUBBLICATO: mercoledì 24 gennaio 2018